LO SMART MANAGER, UN AIUTO CONCRETO ALL’IMPRENDITORE

22/04/2021 10:41



LO SMART MANAGER, UN AIUTO CONCRETO ALL’IMPRENDITORE

Domanda: Il cuore della vostra proposta consulenziale è affi ancare l’imprenditore con uno Smart Manager. Che cosa significa concretamente?
Risposta: Fare Impresa oggi è, per evidenti motivi, ancora più complesso rispetto al passato, soprattutto se si considera la crisi che già persisteva da anni anche prima della pandemia. Oggi, quindi, ci troviamo di fronte ad aziende che hanno bisogno di nuovi sbocchi di mercato e altre che devono difendere ciò che hanno costruito anche attraverso una ristrutturazione. Sicuramente non è più possibile gestire un’azienda semplicemente facendo bene il proprio business.

D. Quindi?
R. C’è bisogno sempre di più di maggior know how e di maggiori competenze da portare in azienda, ma non sempre per l’impresa è possibile fare investimenti adeguati con nuove risorse interne. Noverim ha pensato ad una figura manageriale innovativa: lo Smart Manager che lavora a fianco dell’imprenditore e dei manager interni, proprio per far si che le decisioni siano prese tenendo conto dell’azienda nel suo insieme, coordinando contestualmente il team di Professionisti di Noverim.

D. Che cosa intende esattamente?
R. L’impresa paga solo lo Smart Manager, ma ha a sua disposizione tutta la squadra di Noverim, che lavora in sinergia, in ambito legale, fiscale, finanziario e transaction.

D. Ma come si pone nei confronti dell’imprenditore?
R. È un consulente esterno, che fa da collegamento tra l’imprenditore e l’officina di Noverim, allo scopo di raggiungere gli obiettivi aziendali senza sperperare risorse economiche e tenendo presente che in azienda tutti i processi sono collegati tra loro. Oggi poi è importante sfruttare tutte le agevolazioni messe a diposizione degli imprenditori dai vari decreti usciti in seguito alla pandemia e dalla nuova Legge di Bilancio, anche per finanziare lo sviluppo e la continua crescita del tessuto imprenditoriale. Come ad esempio i vari crediti di imposta per ricerca e sviluppo, formazione, beni strumentali, tutte le agevolazioni per il Mezzogiorno, tutti i temi legati al diritto del lavoro e così via.

D. In che modo è possibile?
R. Crediamo moltissimo che quest’anno, a dispetto di quello che sta accadendo ora, sarà un anno di sviluppo per diverse realtà perché il rilancio dell’economia è qualcosa che dovrà effettivamente esserci. In questo quadro la difficoltà dell’imprenditore è prendere le decisioni corrette all’interno della propria realtà seguendo una pluralità di professionisti che lavorano effettivamente sulle micro aree. Una decisione presa dal punto di vista tax non è detto che vada bene dal punto di vista transaction o finance. L’obiettivo da parte nostra è mettere all’interno dell’azienda un Consulente che sia partecipe dell’organizzazione aziendale e consenta all’imprenditore di concentrarsi sul core. Non solo, ma che aiuti l’impresa a presentarsi al mercato con l’abito giusto da ogni punto di vista per essere appetibile, competitiva e poter avere accesso a fonti di fi nanziamento non solo bancarie.

D. È una proposta valida anche in casi di ristrutturazione del business?
R. Sì, certo. In questo caso l’attenzione sarà sulle operazioni straordinarie per salvare o comunque ottimizzare aree di business che permetteranno all’azienda di rimanere sul mercato eventualmente solo con quei prodotti che riescono a portare margini oppure uscire dal mercato in modo non eccessivamente traumatico. Ma naturalmente sono situazioni che andranno valutate singolarmente.



Società quotate Growth Italia