Orsero: titolo da 11,95 a 16,20 euro, secondo Cfo è possibile

Le stime di aprile dell'analista evidenziano un possibile rialzo del prezzo del 35,6% (del 24,61% rispetto ai valori correnti). Il titolo della società di produzione e distribuzione di frutta, controllata dalla famiglia omonima, sarebbe scambiato a sconto del 40% rispetto ai concorrenti

di Giulio De Bosio30/06/2017 12:24



Orsero: titolo da 11,95 a 16,20 euro, secondo Cfo è possibile
La crescita dei consumi di frutta in Europa

Gli specialisti di Corporate Family Office sim (Cfo sim) stimano che Orsero possa crescere di più del mercato di riferimento per via della consolidata posizione di leadership, grazie all'offerta completa e competitiva, e per la crescita attuabile tramite linee esterne. La società potrebbe raggiungere quasi 1 miliardo di fatturato nel 2018 grazie ad acquisizioni.

Le stime relative al triennio 2017-2019 proiettano i ricavi a quota 779,5 milioni di euro nel 2019 (cagr del 4,4%) dai 617,4 milioni del 2016. 

La marginalità però non crescerà di pari passo, l’ebitda aumenterà ad un cagr dell’2,1% e l’ebitda margin decrescerà anno su anno da 5,1% a 4,8%. In merito alla posizione finanziaria netta invece, il debito dovrebbe diminuire nei prossimi due anni, passando dai 45,1 milioni di euro del 2016 a 9,1 milioni nel 2018, per poi trasformarsi in cassa nel 2019 per 11 milioni di euro.

Per quanto concerne i principali multipli invece, l’EV/ebitda dovrebbe diminuire da 6,2x del 2016 a 4,2x nel 2019, portandosi ad un valore pari a quasi un terzo dell’11,2x registrato nel 2015. Il dividendo non sarà distribuito agli azionisti per il prossimo triennio, come già avvenuto nel 2015-2016.

Il titolo oggi è in crescita dello 0,23% a quota 13,07 euro, con 5 mila azioni scambiate. La market cap, che è la seconda più grande dell’AIM, alla chiusura di ieri ammontava a circa 194 milioni di euro.

Orsero è quotata sull’AIM dal 13 febbraio 2017, data in cui è divenuta efficace la fusione per incorporazione di GF Group e Glenalta Food, e da quel giorno il titolo ha guadagnato il 28,04%.

Glenalta Food era una spac (special purpose acquisition company) costituita per investire nel settore alimentare italiano, con particolare attenzione a imprese a controllo familiare di medie dimensioni non quotate che necessitano di risorse finanziarie per il consolidamento e/o l'integrazione di business complementari, o anche per uno sviluppo internazionale. Le azioni della società erano quotate sull'AIM Italia dal 10 novembre 2015, quando hanno debuttato a 8,8 euro.

Le previsioni di crescita del titolo sono basate sulle stime effettuate usando il metodo del DCF e dei multipli di mercato delle principali società ritenute comparabili. Il titolo è sottovalutato di quasi il 40% per le ridotte dimensioni del gruppo Orsero rispetto ai concorrenti principali, Fyffes, Chiquita, Del Monte, Dole, ma secondo l'analista di CFO tale differenza seppur oggettiva non giustifica il forte sconto, in quanto Orsero è leader del mercato italiano e portoghese, co-leader in Spagna e Francia, e presenta opportunità e tassi di crescita nettamente superiori.

I principali punti di forza del gruppo Orsero sono:

-          Un solido business model ben integrato verticalmente dalla produzione fino alla logistica-distribuzione. Orsero tra l'altro possiede 4500 ettari di terreni di cui 2500 in produzione;

-          Posizione di leaderhsip in un mercato oligopolistico che dovrebbe crescere in Italia da 14,8 miliardi a 17,5 miliardi di euro, in crescita anche in Europa grazie ad abitudini di consuno indirizzate verso il prodotto fresco,

-          La presenza di 4 navi-cargo di proprietà (con 15 anni di vita residua) che rappresentano un vantaggio competitivo significativo;

-           Dati di bilancio solidi e flussi di cassa molto positivi che permettono di intraprendere strategie di crescita per linee esterne.

Tra i principali fattori di rischio e che minacciano la crescita stimata invece vi sono:

-          Possibile impatto negativo sulla situazione patrimoniale derivato da fattori macroeconomici sulla crescita sia a livello locale che mondiale;

-          Riduzione della marginalità derivante dalle possibili operazioni di acquisizione;

-          Possibile impatto negativo legato alle fluttuazioni del dollaro americano e del bunker (combustibile per navi).

Orsero è una società leader nell'Europa mediterranea per l'importazione e la distribuzione di prodotti ortofrutticoli freschi. Il gruppo è nato oltre 50 anni fa su iniziativa della famiglia Orsero, attiva già a partire dagli anni 40 nel settore ortofrutticolo, in partnership con altri imprenditori. Nel corso dei decenni il gruppo ha ampliato le proprie attività sia dal punto di vista territoriale (Italia, Francia, Spagna, Portogallo, Grecia, Costa Rica e Colombia), sia da quello merceologico che settoriale. Il business model del gruppo prevede, infatti, accanto all'attività di distribuzione di prodotti ortofrutticoli freschi, una presenza nel settore dell'import di banane e ananas mediante l'utilizzo di navi di proprietà e un'attività di produzione di frutta.

La Holding della famiglia Orsero (Fif Holding) possiede il 38,6% del capitale sociale (40,4% sul capitale, per quanto concerne il diritto di voto), mentre il restante 61,4% (59,6% del diritto di voto) è in mano al mercato. In questi dati non sono comprese le 643.387 azioni proprie detenute dalla società.

Fif Holding è controllata per il 72,18% dai F.lli Orsero (30,32% Anna Chiara Orsero, 30,32% Raffaella Orsero, 11,54% Antonio Orsero), per il 14,26% da Leonardo e Lorenzo Ighina (in misura paritetica) e per il 13,56% da Pierangelo Ottonello.

Il management è guidato da Paolo Prudenziali, presidente e ceo, Raffaella Orsero, presidente e co-ceo, Matteo Colombini, cfo e Tommaso Cotto, chief operating officer.



Società quotate AIM - Alternative Investment Market italia