Site, con sistemi integrati per energia, trasporti e tlc cresce a doppia cifra dal 2014

L’azienda bolognese diretta da Stefano Borghi ha fornito a Grandi Navi Veloci, del gruppo Msc, i più avanzati sistemi di illuminazione per sette navi, grazie a un'attività di progettazione e ingegnerizzazione che la pone tra i leader internazionali nel suo settore. Dal 2014 il fatturato è in crescita costante di oltre il 15% all'anno e quest'anno potrebbe sfondare la soglia dei 300 milioni di euro

di Stefano Catellani



Site, con sistemi integrati per energia, trasporti e tlc cresce a doppia cifra dal 2014
Stefano Borghi, presidente e ceo di Site, mentre riceve da Huawei il riconoscimento di miglior partner italiano

 

Grazie a un relamping, una completa sostituzione dei sistemi di illuminazione su sette navi della flotta Grandi Navi Veloci (gruppo Msc), basato su 70 mila luci a led, la compagnia genovese potrà abbattere del 70% le emissioni di CO2 risparmiando sui costi di manutenzione e gestione, e la bolognese Site avvicinarsi all'obiettivo dei 300 milioni di fatturato annuo e affermare il valore della propria tecnologia.

Vivila Led Experience è, infatti, l'ultimo prodotto messo a punto dalla divisione energia del gruppo Site guidato da Stefano Borghi, un progetto pilota, replicabile, che ha superato ogni attesa nei test, oltre ad assicurare una durate dei led di almeno 50 mila ore.

Creata nel 1947 da Sauro Borghi e Roberto Carroli la Site  è attiva nello sviluppo tecnologico delle reti di telecomunicazione, di energia e di trasporto ferroviario a livello internazionale, fornendo ai clienti servizi di eccellenza nell’integrazione di sistemi tecnologici, e soluzioni proprietarie d’avanguardia.

È strutturata in tre aree di business: le soluzioni per le reti di telecomunicazioni fra cui la posa delle reti in fibra ottica, distinguendosi fra i principali fornitori di Huawei, i servizi per l’energia orientati alla sostenibilità e le soluzioni per la sicurezza lungo ferrovie e metropolitane.

Il fatturato ha superato 275 milioni di euro nel 2017 con un aumento del 23% sul 2016, in prograzzione continua dai 173 milioni del 2014 e i 210 del 2015. I primi mesi del 2018 confermano la rapida salita verso la boa dei 300 milioni grazie al lavoro di 2 mila dipendenti (+30% di assunzioni rispetto il 2013) in 30 sedi operative, in Italia e all’estero.

Site ha sedi operative in Algeria, Emirati Arabi, Brasile e Marocco che consentono al gruppo di acquisire ed eseguire importanti commesse a livello globale, puntando sui servizi di System Integration chiavi in mano e nel settore energia, sull’efficienza energetica e sulle soluzioni proprietarie di cogenerazione da biomassa (con la società Piroglass) e sistemi di illuminazione Led (sotto il brand Vivila) per favorire lo sviluppo di un’economia circolare.

Per la gestione innovativa dei sistemi di sicurezza e sorveglianza la Site ha creato Kireti applicata con successo nella Notte Rosa che ha portato sulla riviera romagnola migliaia di turisti. Il progetto per Grandi Navi Veloci che ha consentito alla compagnia di avere il prestigioso riconoscimento Green Star di qualità ambientale come plus competitivo, è un'esemplificazione della strategia seguita da Site.

«È stato un progetto molto sfidante perché le lampade led dovevano essere studiate  non solo sulla base delle loro specifiche tecniche, ma anche su quelle estetiche, per valorizzare gli ambienti e rispettare le condizioni preesistenti di illuminazione insieme ai requisiti ambientali imposti dalle normative sulla navigazione,» ha spiegato Stefano Giuliato, responsabile della divisione energia di Site. «Abbiamo dovuto quindi ingegnerizzate e customizzare oltre 70 mila dispositivi led prima della loro installazione, per garantirne il loro miglior utilizzo all’interno di una flotta con unità molto diverse fra di loro». 

Dal 1987 la Site è guidata da Stefano Borghi, presidente e ceo, laurea in Giurisprudenza nel 1974 presso l’Università di Bologna con una tesi in Diritto del Lavoro sulla composizione stragiudiziale delle controversie individuali di lavoro, che ha incominciato la carriera in Site nel 1981 da direttore del personale, divenendone poi direttore generale nel 1984.

I suoi principali collaboratori sono Claudio Bettini, chief operating officer, e il cfo Eugenio Errigo.  Bettini, classe 1963, è il direttore della divisione TLC, Networking & Information technology. Laureato in Ingegneria Elettronica all’Università di Bologna, inizia a collaborare con SITE nel 1995. Oggi si occupa della gestione e programmazione di tutte le attività volte alla realizzazione di reti di telecomunicazione fisse e mobili.

Errigo, classe 1960, laureato in Economia e Commercio all’Università di Bologna, dal 1988 si occupa di curare la pianificazione e il controllo di gestione e di coordinare le attività finanziarie, amministrative e fiscali. 



Società quotate AIM - Alternative Investment Market italia